top of page

FINALE TROFEO PORSCHE NSR: 2 PUNTI SEPARANO IL CAMPIONE DAL SECONDO!

L’ultima gara del campionato Porsche NSR ha riservato le medesime emozioni dell’ultima gara del campionato di Formula 1 (per quanto possa sembrarvi un paragone azzardato, a bordo pista era ciò che si percepiva!).





Per non svelare troppo presto il finale, procediamo con la cronaca. Due batterie piene, anzi la prima con sette partenti, hanno fatto onore ancora una volta a questa bella iniziativa del costruttore campano, la NSR.

Spicca l’assenza di Petriccioli, il cui ruolo di terzo incomodo tra Nico e Muratore, viene ereditato da Savoia.



Al via della gara, subito in testa, troviamo un sorprendente Parodi che, insieme a Nico, si contende la prima posizione. Savoia ribadisce la sua serata di grazia anche nella seconda manche che conclude solitario al comando. Staccati di un giro i due pretendenti al campionato: Nico e Muratore. Chi dei due riesce a battere l’avversario in gara riuscirà anche ad aggiudicarsi il campionato.


Nella terza frazione Muratore raggiunge Savoia, Nico accusa un giro di ritardo. Ai piedi del podio vi è Fattor seguito da Parodi e Ferrari, alle spalle di questi due si danno battaglia Valzano e Favalli, il giovane esordiente contro il veterano. Nella parte bassa della classifica Mussone e Polla sembrano tenersi per mano vista la costante parità tra loro.


Nella quarta manche Muratore mantiene la testa della corsa con 111 giri, sempre uno di vantaggio su Nico, Savoia cede un giro nei loro confronti. Lotta per il quarto posto tra Fattor e Ferrari, 104 giri per loro, uno in più di Parodi, a sua volta con un giro di vantaggio su Valzano che è settimo.


Allo scadere del quarantesimo minuto Muratore tiene ancora la vetta della gara senza però riuscire ad aumentare il vantaggio su Nico, sempre un solo giro li divide. Savoia vede allontanarsi i due leader, ma ha un buon margine di vantaggio su Ferrari che difficilmente riuscirà ad insidiargli la terza posizione. Parodi (129), Fattor e Valzano (128) lottano per la quinta posizione, anche per questo terzetto si decide tutto negli ultimi otto minuti.





Alla partenza dell’ultima manche tutti gli occhi sono puntati sula coppia di testa. Nico ha il vantaggio di correre sulla corsia bianca, mentre Muratore è in gialla, una corsia esterna non facile. Giro dopo giro Nico rosicchia terreno all’avversario, un’uscita lo allontana nuovamente, mentre Muratore inizia a chiedere ai commissari quanto manca alla fine: anche lui avverte la pressione.

Pochi secondi al termine della gara e Nico raggiunge e supera Muratore proprio allo scadere del quarantottesimo minuto; i giri sono pari con le due macchinine una davanti all’altra per cinque settori. Nico conquista la gara ed il campionato, ricordando un po’ la vittoria di Verstappen, differentemente dai piloti veri, i nostri “eroi” si sono subito complimentati a vicenda senza i falsi teatrini che spesso vediamo in televisione.


E gli altri? Savoia conquista il gradino basso del podio, dopo di lui troviamo Ferrari, quinto Parodi ormai entrato stabilmente nel gruppo di testa. Fattor si aggiudica il sesto posto seguito da Valzano il quale esce vincitore dal duello con Favalli. Esposito è nono, con buoni spunti ad inizio gara. Mussone e Polla continuano appaiati sino al traguardo, a dividerli sono solo nove settori. Serpolini dodicesimo, per lui è stata la prima esperienza con le Porsche NSR. Nota di merito per Melini, nonostante l’infelice posizione all’arrivo, il suo morale non ne risente, lui si diverte senza guardare troppo la classifica.


Prima di lasciarvi alla lettura della classifica finale penso che sia doveroso ringraziare la Famiglia Noviello per l’iniziativa di cui noi siamo stati protagonisti, il loro regalo ai vari slot club dimostra lo spirito di iniziativa e creatività che distingue i veri imprenditori e appassionati rispetto ai semplici fabbricanti.


articolo di Sandro Ferrari




19 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page